Aliquota Iva agevolata su infissi e serramenti: facciamo chiarezza

ALIQUOTA IVA AGEVOLATA: FACCIAMO CHIAREZZA

Nel momento in cui si decide di ristrutturare o restaurare un immobile, sorge naturalmente un dubbio: su quali beni può essere applicata l’Iva agevolata del 10% per manutenzioni ordinarie e straordinarie?

 

Come primo passo è opportuno specificare che l’aliquota deve essere applicata ai beni di valore significativo, ossia quei beni che mantengono la loro originalità nonostante il loro uso nella ristrutturazione o restaurazione.

 

I beni soggetti a tale agevolazione sono:

  • Ascensori e montacarichi
  • Infissi esterni ed interni
  • Caldaie
  • Videocitofoni
  • Apparecchiature di condizionamento e riciclo aria
  • Sanitari, rubinetteria dei bagni
  • Impianti di sicurezza

 

ATTENZIONE: non tutti i materiali usati nei lavori di manutenzione possono usufruire dell’Iva agevolata. Infatti, essa non può essere applicata a:

  • Materiali forniti da un soggetto diverso da quello che esegue i lavori.
  • Alle prestazioni professionali – come architetti – anche se effettuate nell’ambito degli interventi finalizzati al recupero edilizio.
  • Alle prestazioni di servizi resi, in esecuzione di subappalti alla ditta esecutrice dei lavori.

 

In sostanza, l’agevolazione spetta sia quando l’acquisto viene fatto direttamente dal committente dei lavori, sia quando ad acquistare i beni è la ditta o il prestatore d’opera che li esegue.

 

L’azienda COS.FER. si occupa dell’installazione e della posa di serramenti – a Milano e in Provincia – che si avvalgono dell’Iva del 10%.

 

 

Sommario:

 

Aliquota Iva agevolata su infissi e serramenti: facciamo chiarezza

 

Interventi che godono dell’Iva agevolata

 

 

Iva Agevolata per infissi – Serramenti Milano, provincia e Lombardia

 

Cosa scegliere: infissi in PVC o in alluminio

 

Aliquota Iva agevolata su serramenti e infissi innovativi

 

Aliquota Iva agevolata su infissi e serramenti in legno alluminio e in alluminio legno: perché approfittarne

 

 

Aliquota Iva agevolata su infissi e serramenti: esempi pratici

 

 

Come richiedere l’aliquota Iva agevolata per la sostituzione degli infissi

 

COS.FER- Porte e serramenti a Milano, provincia e Lombardia

 

 

 

 

Interventi che godono dell’Iva agevolata

 

 

 Interventi che godono dell’Iva Agevolata

 

 

·       Come viene applicata l’Iva agevolata sui beni significativi?

 

Ecco un esempio esplicativo:

 

Si suppone un intervento di manutenzione riguardante i sanitari che ammonta a 10.000 €: 6.000 € riguardano il prezzo del bene significativo, 4.000 € il costo della prestazione.

 

Ebbene, l’Iva del 10% viene applicata sulla somma della prestazione, mentre il valore residuo (6.000 – 4.000) è soggetto a regime ordinario. Una clausola prevede che, dal momento in cui il valore dei beni significativi non supera la metà del costo complessivo dell’intervento, l’Iva al 10% venga applicata interamente.

 

Nel settore dell’edilizia esistono diversi interventi di recupero del patrimonio, per i quali l’Iva viene applicata:

  • Manutenzione ordinaria
  • Manutenzione straordinaria
  • Ristrutturazione urbanistica
  • Restauro e risanamento conservativo
  • Ristrutturazione edilizia

·       Restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia

 

Ai fini della conservazione di una struttura, i lavori di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione sono soggetti ad aliquota agevolata del 10% poiché assicurano la funzionalità di tale struttura.

 

Tutto ciò che riguarda il ripristino e rinnovo di materie o beni, demolizione e – con lo stesso volume – la successiva ricostruzione, si prevede, senza alcuna data di scadenza, l’Iva agevolata.

 

Trattando di materiali o beni finiti, l’Iva agevolata del 10% non è l’unica ad essere applicata. Bensì è possibile usufruire, per determinati beni, anche dell’aliquota del 4%.

·       Quando le aliquote del 4% e del 22% vengono applicate ai materiali

 

  • Iva del 4% per materiali o beni finiti: acquisto dei beni impiegati per la costruzione di edifici non di lusso, anche se effettuati da non costruttori; acquisto di fabbricati rurali destinati alla creazione di abitazioni.
  • Iva del 22% per materie prime e semilavorati, indipendentemente dal soggetto acquirente.

 

Perciò, nel momento in cui si decide di ristrutturare o effettuare manutenzioni – ordinarie e straordinarie –, è opportuno conoscere quali tipi di beni a valore significativo sono soggetti ad aliquota agevolata del 10%.

 

 

 

Iva Agevolata per infissi – Serramenti Milano, provincia e Lombardia

 

 

Gli infissi esterni e gli infissi interni rientrano nella classificazione dei beni a valore significativo, poiché dotati di una propria autonomia di utilizzo. È opportuno specificare, però, che zanzariere, serrande e doppi vetri – non avendo autonomia – non rientrano nei beni soggetti ad aliquota agevolata.

 

Inoltre, parlando di infissi, vi è la possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali previste dallo Stato Italiano: un risparmio energetico pari al 50% della spesa sostenuta. Questo permette una diminuzione dei costi nella bolletta e una riduzione della fuoriuscita di fonti di calore o di fresco.

 

Per sostituire gli infissi, i prezzi rappresentano certamente una questione importante. Poter beneficiare di una riduzione, quindi, non è affatto un dettaglio da sottovalutare.

 

Tra le innumerevoli possibilità di scelta tra i serramenti, gli infissi in PVC o alluminio sono considerati nel ventaglio dei prodotti migliori nel settore: grazie alla loro resistenza nei confronti di agenti esterni e anche per l’isolamento termico che li caratterizza.

 

Entrambi utili ed efficaci, gli infissi in PVC o in alluminio sono costituiti da materiali diversi che comportano rispettivamente vantaggi o svantaggi – in base alle esigenze – nonché differenze di costi: in particolare i serramenti in PVC hanno prezzi più bassi pur mantenendo alta la qualità.

 

 Iva Agevolata per infissi

 

 

 

Cosa scegliere: infissi in PVC o in alluminio 

 

 

Infissi in PVC:

  • Buon isolante termico e acustico
  • È riciclabile
  • Leggero e non richiede manutenzione
  • Ignifugo
  • Resistente agli agenti atmosferici
  • Economico

 

L’ALLUMINIO è impiegato maggiormente nella costruzione di infissi, come sostituto del legno:

  • Resistente agli agenti atmosferici
  • Economico
  • Resistente all’usura e a possibili scassi
  • Usato per realizzare infissi di grandi dimensioni
  • Poca manutenzione.

 

Entrambi presentano anche degli svantaggi: se i serramenti in alluminio sono buoni conduttori termici, per cui necessitano di un taglio termico che funga da limitazione, i serramenti in PVC, a prezzi inferiori, tendono a danneggiarsi nel tempo se troppo esposti alla luce del sole.

 

Per ovviare a queste problematiche, l’azienda COS.FER – che si occupa di sostituzione e vendita di serramenti a Milano e provincia – non fornisce ai clienti solo la scelta tra infissi in PVC o alluminio, ma dispone anche di serramenti definiti sistemi misti, ossia in legno – alluminio e in alluminio – legno.

 

Tale unione permette di ampliare considerevolmente le prestazioni dei materiali e, di conseguenza, dell’infisso, riducendo allo stesso tempo i limiti propri di ciascun elemento.

 

 

 

Aliquota Iva agevolata su serramenti e infissi innovativi

 

 

Finora abbiamo parlato del PVC e dell’alluminio, due tra i materiali più apprezzati nella realizzazione di infissi e serramenti. Accanto al risvolto strettamente funzionale, nel momento in cui si scelgono serramenti e infissi per un’abitazione, un altro aspetto essenziale da tenere in considerazione è l’estetica.

 

I prodotti scelti devono infatti essere capaci di abbinarsi in modo adeguato anche con l’arredamento, onde evitare brutti accostamenti o spiacevoli effetti pacchiani.

 

Per fornire una soluzione valida a questa necessità altrettanto rilevante, le aziende specializzate nella produzione di infissi e di serramenti hanno introdotto dei modelli misti, che coniugano nel migliore dei modi le prestazioni dei materiali all’elemento estetico. È il caso degli infissi e dei serramenti in legno alluminio o in alluminio legno.

 

L’aliquota Iva agevolata per serramenti e infissi è applicabile anche a questa tipologia di prodotti.

 

 

 

Aliquota Iva agevolata su infissi e serramenti in legno alluminio e in alluminio legno: perché approfittarne

 

 

Nei contesti in cui risulta possibile approfittare di un vantaggio come l’aliquota Iva agevolata per la sostituzione degli infissi e dei serramenti o per l’acquisto di tali prodotti, è bene non farsi sfuggire l’occasione, puntando a scelte di qualità che possano assicurare contemporaneamente resistenza nel tempo, sicurezza, comfort e bellezza.

 

Come nel caso dei sistemi in legno alluminio e alluminio legno.

 

Ma quali sono le principali caratteristiche di queste tipologie di prodotti?

 

 

·       Infissi e serramenti in legno alluminio

 

 

Gli infissi e i serramenti in legno alluminio sono tra i prodotti più innovativi e funzionali a disposizione per la ristrutturazione o la costruzione di una casa.

 

Non a caso, i proprietari delle abitazioni evidenziano una particolare predilezione verso questi modelli e, se ne hanno l’opportunità, li scelgono per offrire un tocco di raffinatezza in più al loro nido domestico.

 

Questi sistemi combinano efficacemente la bellezza del legno alla praticità dell’alluminio.

 

Negli infissi in legno alluminio, il materiale dominante è la componente in legno che si trova nel lato interno del prodotto. Questa parte è interamente realizzata in legno lamellare, un materiale di grande solidità ottenuto incollando l’una sull’altra delle tavole di legno per uso strutturale.

 

Accanto alla resistenza, il legno lamellare mantiene intatta la tipica eleganza del legno naturale, garantendo risultati estetici notevoli. L’alluminio viene invece collocato come rivestimento protettivo nella parte esterna dei prodotti, trattandosi di un materiale che a contatto con gli agenti atmosferici non si altera e si mantiene duraturo nel tempo.

 

Oltre alla resistenza e all’estetica, tra i principali vantaggi degli infissi e dei serramenti in legno alluminio, ricordiamo:

 

  • le grandi capacità di isolamento termo-acustico
  • la facile installazione
  • la manutenzione ridotta.

 

 

·       Infissi e serramenti in alluminio legno

 

 

Come il nome stesso evidenzia, negli infissi e nei serramenti in alluminio legno, il materiale predominante è l’alluminio. Il prodotto è quindi quasi interamente costituito da questo metallo, con un rivestimento interno in legno. La componente in alluminio può essere senza taglio termico o con taglio termico.

 

Il maggior pregio degli infissi e dei serramenti in alluminio legno è certamente rappresentato dalla resistenza verso l’azione aggressiva degli elementi atmosferici. Ma non bisogna neanche dimenticare che l’alluminio si dimostra un vero alleato sotto il profilo della sicurezza, in virtù della sua enorme capacità di contrastare tentativi di effrazione da parte di malintenzionati.

 

Questo tipo di prodotti presenta inoltre diverse analogie con i serramenti e gli infissi in legno alluminio. Come questi ultimi, infatti, i prodotti in alluminio legno:

 

  • risultano capaci di assicurare all’abitazione un ottimo isolamento termo-acustico
  • sono facilmente applicabili
  • richiedono poca manutenzione.

 

 

 

Aliquota Iva agevolata su infissi e serramenti: esempi pratici

 

 

Abbiamo descritto a grandi linee gli interventi che godono dell’applicazione dell’aliquota Iva agevolata del 10% o del 4%. Come accade di sovente quando si trattano temi di carattere fiscale, anche in questo caso possono tuttavia permanere dei dubbi.

 

Per addentrarci maggiormente nel merito, cercando di capire come funziona concretamente l’aliquota Iva agevolata per gli infissi e i serramenti, vediamo allora alcuni esempi ancor più pratici.

 

 

·       Costruzione o ampliamento dell’abitazione

 

Nei casi in cui sia stia procedendo con la costruzione o con l’ampliamento della prima casa, viene applicata l’aliquota Iva agevolata per i serramenti e gli infissi del 4% sia sui prodotti sia sulla manodopera.

 

Per ciò che riguarda l’ampliamento è tuttavia opportuno sapere che, l’aliquota Iva al 4% è applicabile esclusivamente se, alla fine degli interventi, l’area ampliata:

 

  • non permetta di attribuire alla casa delle nuove caratteristiche di lusso
  • non vada a costituire una unità immobiliare a sé stante.

 

 

·       Costruzione di un fabbricato rurale

 

Nel caso in cui si debba costruire un fabbricato rurale da destinare o ad abitazione del proprietario o a personale addetto alla coltivazione, l’aliquota Iva agevolata del 4% si applica sia sul solo acquisto dei serramenti sia sulla fornitura più la messa in opera degli stessi.

 

 

·       Ulteriori contesti

 

Scopriamo ora un’ulteriore gamma di situazioni in cui viene invece applicata l’aliquota Iva agevolata per infissi e serramenti del 10%. Questo tipo di agevolazione fiscale viene ad esempio adottata anche nei contesti in cui si verificano una fornitura e posa in opera di infissi e serramenti per la realizzazione di:

 

  • fabbricati “assimilati Tupini”, ovvero edifici quali scuole, asili, ospedali, case di cura, caserme, carceri, pensionati, seminari, conventi, orfanotrofi, centri di recupero per bambini portatori di handicap
  • opere di urbanizzazione.

 

L’Iva per l’implementazione o la sostituzione di infissi e serramenti resta invece del 22% in casistiche quali:

 

  • la costruzione di uffici
  • l’edificazione di immobili di lusso
  • gli interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria su immobili che non sono destinati a divenire abitazione privata, come nel caso di negozi, laboratori e uffici.

 

 

 

Come richiedere l’aliquota Iva agevolata per la sostituzione degli infissi

 

 

In questo articolo abbiamo analizzato alcuni dei tipici contesti in cui risulta possibile richiedere l’aliquota Iva agevolata per gli infissi e i serramenti. Giunti a questo punto, manca solo una dritta di carattere burocratico. Come abbiamo appurato, a seconda degli specifici casi, l’aliquota agevolata interessa non solo l’acquisto del materiale ma anche la posa in opera dello stesso.

 

Che prassi occorre seguire, allora, per chiedere l’aliquota Iva agevolata per la sostituzione degli infissi, in caso di ristrutturazione, di ampliamento o di manutenzione di un immobile?

 

È innanzitutto opportuno sapere che l’applicazione dell’aliquota IVA al 10% nel regime edilizio non avviene in automatico. Per poter usufruire di questa agevolazione è necessario che il proprietario dell’abitazione presenti all’impresa che effettua l’intervento un’apposita  dichiarazione.

 

Con questo semplice documento da realizzare carta libera, il proprietario dell’immobile non fa altro che assumersi la responsabilità per l’applicazione dell’aliquota IVA ridotta del 10% di cui usufruire. Un piccolo adempimento burocratico, insomma, che permette di ottenere un interessante vantaggio sotto il profilo economico.

 

 

 

COS.FER- Porte e serramenti a Milano, provincia e Lombardia  

 

 

L’azienda COS.FER. è specializzata, da oltre vent’anni, nell’ambito dei serramenti a Milano, provincia, Lombardia e in zone limitrofe.

 

Offriamo numerosi servizi ma il nostro core business è la produzione di infissi in PVC o alluminio, serramenti in legno alluminio e alluminio legno.

 

Ci occupiamo della loro sostituzione e anche della posa in opera. Abbiamo inoltre una selezione di ulteriori prodotti e servizi, tra cui: realizzazione di inferriate e cancelli di sicurezza, zanzariere su misura e persiane in alluminio dotate di caratteristiche innovative.

 

Se abiti a Milano o provincia, in Lombardia o in zone limitrofe e vuoi ristrutturare o effettuare una manutenzione alla tua abitazione, non aspettare oltre. CONTATTACI

 

COS.FER, grazie alla competenza e alla professionalità dei propri esperti, è in grado di aiutarti nella scelta dei serramenti – infissi in PVC o alluminio, sistemi misti, porte blindate ecc. –, in base alle diverse necessità.

 

Con l’installazione di infissi a prezzi ottimi, sia interni che esterni, potrai inoltre godere dell’aliquota agevolata del 10%.