Come pulire gli infissi in PVC e mantenerli belli più a lungo?

Come pulire infissi in pvc e mantenerli belli

La neve, la pioggia e lo smog della brutta stagione sono provanti anche per i migliori infissi in PVC. Per quanto il PVC sia un materiale resistente, infatti, può poco contro le incrostazioni di polvere. Anno dopo anno le caratteristiche dei serramenti in PVC rimangono immutate, ma rischi che lo sporco ne offuschi la bellezza.

 

Questo tipo di infissi non necessità di una manutenzione particolare: ti basta pulirli periodicamente. L’operazione è semplice e richiede solo qualche piccola accortezza, in modo da preservare l’eventuale verniciatura o le rifiniture. Vediamo insieme come fare.

 

 

Come pulire una finestra o porta finestra in PVC

 

 

In commercio trovi numerosi prodotti per la pulizia degli infissi in PVC. Ci sono creme, spray e detergenti: se non ti preoccupa l’uso di sostanze chimiche, scegli la soluzione che preferisci. Se invece preferisci evitare il più possibile prodotti di questo tipo, puoi usare una di queste due soluzioni:

 

  1. 1 parte di aceto bianco e 4 parti di acqua tiepida;
  2. 1 litro di acqua tiepida mischiato con una goccia di sapone per i piatti.

 

Evita nella maniera più assoluta candeggina, alcol, getti d’acqua ad alta pressione e pagliette abrasive.

 

Spolvera gli infissi con un panno morbido o un’aspirapolvere con spazzole soffici. Assicurati di arieggiare la stanza, per evitare che la polvere torni subito a posarsi sulla finestra. Solo a questo punto usa un panno pulito immerso nella soluzione scelta. Passalo su tutta la superficie, lascia agire per due minuti e passa un panno umido ma pulito.

 

L’operazione va ripetuta sia sulla superficie interna sia su quella esterna degli infissi. Se devi pulire una porta finestra in PVC, è abbastanza facile. Come fare invece per le finestre, specie se vivi ai piani alti? In questo caso aiutati con un manico telescopico, in modo da raggiungere anche gli angoli più remoti senza doverti sporgere.

 

 

Come pulire i vetri delle finestre

 

 

I migliori infissi in PVC hanno vetri di qualità altrettanto alta, che richiedono una pulizia periodica. Per pulire i vetri delle finestre scegli le ore meno calde della giornata, quando il sole non batte in maniera forte sulle loro superfici. Sembra un particolare da poco, che ti aiuterà però a evitare la formazione di antiestetici aloni.

 

Come nel caso della pulizia di finestre in PVC o alluminio, esistono prodotti specifici per la pulizia dei vetri. Sono prodotti chimici; se non vuoi usarli, puoi ripiegare su una soluzione composta da 5 parti di acqua e 1 di aceto. Alcuni consigliano anche soluzioni a base di alcol o ammoniaca. Prima di usarle, ricorda che queste due sostanze cozzano con le caratteristiche dei serramenti in PVC. Meglio evitarle.

 

Se lo sporco accumulato è davvero tanto, potrebbe servirti un trattamento preliminare con acqua e detersivo per i piatti. Strofina con un panno morbido e sciacqua bene. A questo punto puoi spruzzare la soluzione di acqua e aceto su tutta la superficie, rimuovendola poi con un panno morbido. Un altro modo per non lasciare aloni? Usa i cari vecchi fogli di quotidiano al posto del panno morbido.

 

 

La manutenzione della ferramenta degli infissi

 

 

Nonostante tra le principali caratteristiche dei serramenti di PVC ci sia la quasi totale assenza di manutenzione, un minimo di cura rimane necessaria. Serve infatti a evitare che si formino accumuli di sporco all’interno delle parti meccaniche, ostacolando il movimento delle ante. Le operazioni da eseguire sono comunque molto semplici.

 

  1. Ingrassa la ferramenta con vaselina o altri grassi non acidi. Ti basta versarne un po’ sulle parti meccaniche in movimento, dopodiché aprire e chiudere la finestra.
  2. Pulisci le parti meccaniche visibili, come le giunture. Evita di usare prodotti abrasivi e lana d’acciaio.
  3. Libera le prese d’aria almeno una volta all’anno.
  4. Pulisci le canaline di drenaggio dell’acqua presenti nelle sezioni di telaio. L’operazione è fondamentale per evitare la formazione di muffa al loro interno.
  5. Spolvera le guarnizioni e ingrassale con olio di silicone, così da mantenerne l’elasticità.

 

Dovresti effettuare tutte queste operazioni circa una volta all’anno, tranne la pulizia e l’ingrassaggio delle guarnizioni. Questo andrebbe fatto circa una volta ogni 6 mesi, specie se le finestre sono esposte a sud.

 

 

Come pulire gli infissi scorrevoli

 

 

Gli infissi scorrevoli in PVC sono comodi ed eleganti, ma come pulirli? Se devi occuparti di una porta finestra in PVC è abbastanza facile: ti basta uscire e chiudere l’anta. Per le finestre non è altrettanto facile, specie se parliamo di modelli a scomparsa. L’impresa sembra davvero impossibile, ma c’è sempre una soluzione.

 

  • Per pulire solo i vetri esterni, usa appositi lavavetri magnetici. Sono due spugne contenenti dei magneti di polo opposto, che quindi si attraggono. Apri un po’ la finestra, poggi una spugna sulle superficie esterna e una su quella interna, quindi chiudi la finestra. Per pulire la superficie esterna ti basta muovere la spugna che sta all’interno. Se hai tripli vetri, scegli lavavetri con magneti potenti.
  • Usa un’asta telescopica, se vivi al piano terra o al primo piano e le condizioni lo permettono.
  • Sgancia l’anta. La procedura cambia da modello a modello: assicurati di averla compresa bene e fatti aiutare nell’operazione. Una volta fatto, pulisci bene la superficie esterna dell’anta e quella del telaio. Per quest’ultimo, aiutati con un’asta telescopica in modo da non doverti sporgere.

 

 

COS.FER., serramenti in PVC a Monza, Milano e provincia

 

 

La pulizia di infissi scorrevoli e a battente è importante, ma può poco se il prodotto di base è di scarsa qualità. COS.FER. ti propone serramenti in PVC a Monza, Milano e province. Vieni a trovarci presso il nostro showroom di Vimodrone (MI) per vederli di persona.

 

Per conoscere tutti nostri servizi, visita il sito e contattaci.