Porte interne bianche moderne: come abbinarle al meglio?

Le porte bianche laccate lucide sono una presenza fissa nell’immaginario comune, non sempre positiva. Tanti le vedono ancora come le tipiche porte da ospedale, ingiallite dal tempo e realizzate con materiali economici. Eppure non è così: il bianco è un colore elegante che si sposa bene con un gran numero di stili. Grazie alla sua versatilità, viene usarlo per dare luce a design innovativi o per completare delle linee più semplici.

 

Le porte interne bianche moderne possono essere laccate o laminate, rustiche o con vetro. La scelta a tua disposizione è enorme, specie se ti appoggi a una realtà di alto livello come Bertolotto Porte. A seconda delle rifiniture e del tipo di materiale usato, questi elementi trovano spazio nelle case shabby chic, in quelle contemporanee, in quelle classiche.

 

In mezzo a così tante possibilità, come puoi scegliere la porta bianca giusta per te?

 

 

 

Sommario:

 

Porte interne bianche moderne: come abbinarle al meglio?

 

Quanti tipi di porte bianche moderne ci sono?

 

Porte bianche laccate lucide o opache

Porte interne bianche moderne con vetro

Porte bianche grezze con primer

Porte bianche in laminato

 

Porte bianche moderne: quanto bianche?

 

Come abbinare le porte per interni bianche alle pareti

 

Ad ogni porta bianca il suo stile

 

Porte bianche stile shabby chic

Porte bianche stile provenzale

Porte bianche stile minimal

 

La manutenzione delle porte bianche

 

Come pulire le porte bianche laccate

Come pulire le porte bianche laminate

 

Bertolotto Porte: una garanzia

 

Bertolotto porte laccate

Bertolotto porte classiche

Porte Bertolotto Fashion

 

Per i migliori serramenti di Milano e provincia scegli COS.FER

 

 

 

 

Quanti tipi di porte bianche moderne ci sono?

 

 

Si fa presto a parlare di “porte bianche moderne”. La definizione comprende un’infinità di prodotti anche molto diversi tra loro, sia per stile sia per scelta dei materiali. Nonostante il legno rimanga il materiale delle porte per eccellenza, infatti, può essere lavorato e rifinito in tanti modi. Talvolta si può addirittura accompagnare ad altri materiali, come il vetro o addirittura la resina.

 

 

Porte bianche laccate lucide o opache

 

 

Le porte bianche laccate lucide sono la scelta più classica. Il cuore della porta può essere in legno massello o tamburato, a seconda della qualità del prodotto. Nel primo caso tendono a costare di più e, se realizzate con una essenza pregiata, possono durare una vita. Nel secondo caso, la porta ha un perimetro in legno e una struttura interna in cartone a nido d’ape. Il rivestimento è identico per entrambe le strutture di base.

 

L’intera superficie della porta è rifinita con un pannello in fibre di legno verniciato, lucido o opaco a seconda delle preferenze. Per ottenere un risultato più pulito, le porte bianche laccate lucide o opache sono dotate anche di una bordatura lungo il perimetro. In questo modo si evitano zone di colore diverso e si migliora la rigidità della copertura.

 

 

Porte interne bianche moderne con vetro

 

 

  • Quando si parla di cucina o bagno, i modelli più diffusi sono le porte interne bianche moderne con vetro. Le porte più classiche hanno un telaio in legno con inserti in vetro trasparente o satinato. Negli ultimi anni si stanno però diffondendo anche le porte realizzate esclusivamente in vetro.
  • Le porte in vetro sono costituite da un’unica lastra che può essere liscia o decorata. Nello specifico, puoi scegliere tra le seguenti soluzioni.
  • Vetro satinato sulle tonalità del bianco.
  • Vetro temperato trasparente con decori bianchi effetto satinato.
  • Doppia lastra di 5 millimetri di vetro temperato. Il lato interno delle due lastre è verniciato in modo da ottenere un bianco limpido e netto.

 

Le porte interne bianche moderne con vetro e prive di legno sono soluzioni di design. Trovano spazio nelle case contemporanee e, se prive di decori, si sposano bene con un arredamento zen.

 

 

Porte bianche grezze con primer

 

 

In realtà queste porte bianche moderne non sono necessariamente bianche. Il colore è dato infatti dallo strato di primer che le riveste, che consente di verniciarle a piacere come se fossero parte del muro. Si tratta di una soluzione apprezzata soprattutto per le porte filo muro, per mimetizzarle con il resto della parete. Basta uno strato di vernice e sparisce qualsiasi traccia della porta.

 

 

Porte bianche in laminato

 

 

Tra le diverse porte interne moderne, quelle in laminato sono le più semplici ed economiche. Costano meno rispetto a quelle in legno massello laccato, ma possono comunque essere di alta qualità. Molto dipende dalla qualità delle colle e delle lavorazioni usate. Ad esempio, i prodotti di Bertolotto Porte sono resistenti e belli a vedersi.

 

Le porte in laminato hanno un cuore in legno tamburato o listellare, ovvero costituito da diversi listelli di legno incollati tra loro. Il rivestimento esterno è composto da strati di carta o materiale sintetico pressati tra loro. Grazie alle nuove tecnologie, il laminato è antigraffio e può riprodurre le venature e le texture del legno. Ciononostante, al tatto è un po’ più freddo e il suono è più vuoto rispetto al legno.

 

Le porte di questo tipo sono un’alternativa economica alle porte bianche laccate lucide o opache. Sono disponibili sia nella versione a battente sia in quella scorrevole, con finiture moderne o classiche.

 

 

Porte bianche moderne: quanto bianche?

 

 

Una volta scelta la finitura che preferisci, devi scegliere il colore. “Ma non stiamo parlando di porte interne bianche moderne?” ti starai chiedendo. Certo, ma c’è bianco e bianco. Affinché le tue porte siano in linea con il resto della casa, devi assicurarti di scegliere il bianco giusto. Altrimenti, rischi di ottenere un effetto discontinuo e quasi fastidioso.

 

I bianchi più diffusi per le porte e l’arredamento sono i seguenti.

 

  • Bianco latte (RAL 9010). Probabilmente è il bianco più diffuso nell’arredamento e quello che si sposa meglio con il legno. È un bianco caldo, da abbinare con parquet e con marroni tendenti più al rosso che al grigio.
  • Bianco gesso (RAL 9016). Questo bianco è più freddo rispetto al primo e lo si usa soprattutto per i negozi. Accostato con il nero dà alla stanza un aspetto elegante ma algido.
  • Bianco perla (RAL 1013). Si tratta di un bianco che vira più sull’avorio, quasi beige. Rispetto agli altri due bianchi è più scuro e meno puro, ma anche meno algido e più adatto a uno stile shabby chic.

 

 

Come abbinare le porte per interni bianche alle pareti

 

Porte interne bianche moderne e pareti

 

Qualunque di questi bianchi tu scelga per le porte, fai attenzione al colore dei muri. Usare il bianco latte per le porte e il bianco gesso per le pareti, ad esempio, potrebbe essere una cattiva idea. Sono entrambi bianchi abbastanza puri, uno più caldo e l’altro più freddo: non stanno bene insieme. Questo per dire quanto sia importante riflettere sull’abbinamento di porte e pareti.

 

Se vuoi andare davvero sul sicuro, scegli porte bianche laccate lucide o opache color avorio chiaro (RAL 1015). Si tratta di un bianco un po’ più caldo del classico bianco latte e più scuro. Puoi abbinarlo senza problemi alle pareti lilla, rosse o grigie. Sta bene anche con le pareti bianche, dato che c’è uno stacco piccolo ma sufficiente per non risultare fastidioso. Inoltre, ha un’ottima resa anche sul parquet.

 

Il problema delle porte bianche va però oltre l’abbinamento con le pareti. Il colore di porte e pareti si deve sposare anche con lo stile di arredamento da te scelto. A seconda che tu voglia ottenere una stanza moderna o classica, sceglierai porte bianco latte o bianco perla/bianco avorio. Vediamo la questione più nel dettaglio.

 

 

Ad ogni porta bianca il suo stile

 

 

Quando scegli i serramenti migliori per casa tua, devi pensare anche allo stile di arredamento. A seconda del tipo di colori e di mobili che userai, dovrai scegliere tra un’ampia gamma di porte per interni. Meno male che Bertolotto Porte offre una vasta scelta di modelli, rifiniture e colori.

 

 

Porte bianche stile shabby chic

 

 

Lo stile shabby chic mischia il design delle case di campagna inglesi e quello dei castelli della Loira. Si tratta di uno stile dalle linee vintage, basato in buona parte sull’uso di colori chiari e linee romantiche. La sua caratteristica più evidente è l’aspetto finto-dimesso di mobili, porte e infissi. La vernice è rovinata in più punti, come se fosse consumata dal tempo. Ovviamente si tratta di un effetto voluto, ottenuto in modo da preservare la durevolezza della porta nonostante l’apparenza.

 

Il bianco è il colore più usato nell’arredamento shabby chic, insieme all’azzurro e al rosa antico. Ti conviene quindi scegliere una porta bianco gesso, che vira sul grigio e si sposa bene sia con il rosa sia con l’azzurro. Per quanto riguarda il tipo di finitura, evita le porte bianche laccate lucide. Piuttosto, punta su quelle laminate o dall’aspetto un po’ rustico.

 

 

Porte bianche stile provenzale

 

 

Lo stile provenzale è parente stretto dello shabby chic, ma è meno rustico e più elegante. In questo tipo di arredamento dominano la pietra, il legno, il ferro battuto. I colori prevalenti sono bianco, grigio, rosa antico, azzurro e lavanda. Dominano le linee vintage, ma manca l’aspetto fino dimesso proprio dello shabby.

 

Se ami questo stile, ti conviene puntare su porte bianche laccate lucide o opache. In alternativa, puoi scegliere il legno colorato. Per quanto riguarda i toni del bianco, il color avorio chiaro è quello che meglio si sposa allo stile provenzale. Puoi abbinarlo all’azzurro, al rosa e al lavanda senza problemi. Sta bene anche con le pareti bianche, come detto sopra.

 

Se vuoi dare alla tua porta un tocco in più, falla personalizzare con decori o intarsi floreali.

 

 

Porte bianche stile minimal

 

 

Quando si parla di arredamento minimal, anche le porte devono essere il più possibili semplici. Le classiche porte bianche laccate lucide sono eleganti senza essere chiassose. Un bel bianco latte le rende luminose e morbide senza essere fredde. In questo modo puoi abbinarle al nero senza temere l’effetto finale “sala d’aspetto”.

 

Per un design ancora più moderno, scegli porte scorrevoli a scomparsa: saranno discrete e comode. Se però stai cercando qualcosa di ancora più minimale, opta per le porte filo muro. Grazie al primer, puoi colorarle con la stessa vernice usata per le pareti e applicarvi eventuali stencil. Bertolotto Porte propone anche modelli con disegni in rilievo, originali senza essere chiassosi.

 

 

La manutenzione delle porte bianche

 

 

Le porte bianche moderne hanno solo un problema: si sporcano facilmente. Piccole macchie e rimasugli di polvere spiccano sul bianco, facendo sembrare l’ambiente molto più sporco di quanto non sia. Di conseguenza è fondamentale eseguire una corretta manutenzione delle porte, pulendole periodicamente. In che modo?

 

 

Come pulire le porte bianche laccate

 

 

Il laccato è una finitura delicata, che va trattata nel modo giusto se non vuoi rovinare la porta. Per pulire le porte bianche laccate devi usare un panno morbido e non abrasivo; uno in microfibra andrà benissimo. Bagnalo in acqua e detersivi non aggressivi, quindi strizzalo molto bene in modo che rimanga appena umido. Una volta passato sulla porta, asciugala con un panno asciutto.

 

In caso di macchie ostinate, diluisci un bicchiere di aceto in un secchio di acqua tiepida. Evita invece ammoniaca, acetone e altri prodotti aggressivi che rovinerebbero la superficie.

 

 

Come pulire le porte bianche laminate

 

 

Le porte bianche moderne in laminato sono meno pregiate ma anche meno delicate. Come nel caso delle porte bianche laccate lucide, puliscile con un panno morbido umido. In commercio trovi detergenti neutri specifici per aiutarti in caso di sporco ostinato. Se non bastano, usa una spugna morbida bagnata con un po’ di aceto.

 

Anche in questo caso, evita i panni abrasivi e i detergenti aggressivi come creme e acetone.

 

Porte interne bianche moderne come pulirle

 

 

Bertolotto Porte: una garanzia

 

 

Nel corso dell’articolo abbiamo citato più volte Bertolotto Porte, una garanzia quando si parla di porte per interni moderne e classiche. L’azienda combina:

  • tecnologie di ultima generazione;
  • materie prime di alta qualità;
  • sapienza artigiana;
  • design unici.

 

Per questo motivo, le porte Bertolotto sono pezzi d’arte più che semplici serramenti. Grazie all’ampia scelta di stili e colorazioni, le puoi inserire in contesti classici o contemporanei. Il brand conta infatti:

 

  • 20 collezioni;
  • 80 colorazioni;
  • 19 tipi di legno;
  • migliaia di possibili varianti.

 

È per questo che COS.FER. si appoggia a Bertolotto Porte quando si parla di serramenti per interni. Perché per i nostri clienti vogliamo solo il meglio. Vediamo più nello specifico le tipologie principali.

 

 

Bertolotto porte laccate

 

 

Anche quando listellari o tamburate, le porte laccate Bertolotto si distinguono per l’alta qualità. Nel primo caso, i listelli di legno sono incollati tra loro perpendicolarmente in modo da rimanere stabili nel tempo. Nel secondo, la porta ha una struttura a sandwich con interno alleggerito.

 

Per ottenere una laccatura uniforme e spessa, il brand usa 3 mani di vernice. In questo modo le porte laccate Bertolotto superano anche i test più aggressivi: resistono ad abrasione, detergenti, bambini. In più, puoi scegliere tra tutti i colori della gamma RAL e 14 colori della cartella BP.

 

 

Bertolotto porte classiche

 

 

Le porte classiche Bertolotto sono disponibili sia in essenza sia laccate. Inoltre, puoi scegliere tra il legno massiccio e il battente alleggerito. I materiali rimangono quelli tipici della tradizione, arricchiti con intarsi più o meno complessi a seconda della collezione.

 

Se cerchi uno stile classico romantico e vintage, da usare in una casa provenzale, opta per le collezioni Venezia Gold o Dipinte a mano. Alcune porte classiche Bertolotto di quest’ultima linea si adattano anche allo stile shabby chic.

 

Se invece sei orientato su porte classiche semplici e con linee pulite, Bertolotto ti propone le linee Venezia, Baltimora e Rodi. Le porte Rodi sono particolarmente adatte agli amanti del legno, data l’elegante esaltazione delle venature.

 

 

Porte Bertolotto Fashion

 

 

Le porte Bertolotto Fashion sono moderne ed eleganti, caratterizzate da linee pulite e realizzate con legni pregiati. Sono disponibili modelli a battente, scorrevoli a muro e scorrevoli a scomparsa. Inoltre, puoi scegliere tra porte bianche laccate lucide o opache e porte interne bianche moderne con vetro.

 

Le porte di questa collezione sono concepite per chi cerca uno stile contemporaneo. Quelle prive di decori e scorrevoli sono perfette per un ambiente zen, privo di orpelli e decori superflui. Puoi però optare anche per qualcosa di “eccessivo” come Chapeau Ral 2, con una cornice barocca color argento. Impossibile da non notare.

 

 

Per i migliori serramenti di Milano e provincia scegli COS.FER.

 

 

COS.FER. è un’azienda specializzata nella vendita e nel montaggio di serramenti a Milano e Provincia. Per toccare con mano tutti i nostri prodotti, vieni a trovarci presso il nostro showroom di Vimodrone (MI). Per avere ulteriori informazioni, contatta COS.FER.